Vuoi sapere cos’è la Biodinamica?

Condividi
Stampa

L’inizio della biodinamica

La biodinamica nacque nel 1924, quando il dr. Rudolf Steiner fu avvicinato da un gruppo di agricoltori europei dopo aver notato un rapido declino della fertilità dei semi, della vitalità delle colture e della salute degli animali. Il dott. Steiner ha quindi creato una serie di conferenze in cui ha presentato la fattoria come organismo vivente e autosufficiente. L’agricoltura biodinamica è il miglior modello di agricoltura rigenerativa.

Cosa significa biodinamico?

La definizione “Biodinamico” deriva dalle parole greche “bio”, che significa “vita” e “dyn”, che significa “forza”. Quando applicato all’agricoltura, “biodinamico” significa lavorare con le forze o i processi della vita.

Biodinamica e uso di OGM

L’agricoltura biodinamica si oppone categoricamente agli organismi di modificazione genetica (OGM) in agricoltura, nel giardinaggio e nella trasformazione alimentare. Gli standard internazionali di biodinamica vietano l’uso di OGM negli alimenti, inclusi gli alimenti per animali, che non si verificherebbero mai nel mondo naturale. Questi sono i principi su cui si basa l’evoluzione di tutti gli esseri viventi per milioni di anni. Una fattoria biodynamica® mira a produrre tutto internament, compresi semi, fertilizzanti, pesticidi e persino mangimi per il bestiame.

Biologico vs. Biodinamico

Il gruppo internazionale di certificazione biodinamica, la Demeter, è stata fondata in Europa nel 1928 e negli Stati Uniti nel 1985, mentre il National Organic Program (NOP) è stato istituito negli Stati Uniti solo nel 2002. NOP è focalizzato sul raccolto e consente di certificare una sezione di una fattoria da certificare. La certificazione Biodynamica®, d’altra parte, è focalizzata sull’azienda agricola. Richiede che l’intera azienda sia certificata usando gli standard NOP come base di riferimento, e quindi fa un ulteriore passo avanti richiedendo che vengano soddisfatti ulteriori standard prima che venga concessa la certificazione. Le fattorie biodinamiche sono costruite per integrare ogni organismo vivente all’interno del sistema, comprese tutte le piante, il bestiame e gli agricoltori, creando un sistema di allevamento a ciclo chiuso. Aspirano a trasformare e massimizzare la salute e la vitalità di ogni aspetto della fattoria e a migliorare il modo in cui coltiviamo attraverso un rapporto continuo con la natura.

L’agricoltura biodinamica è incentrata sulla costruzione di un suolo ricco di sostanze nutritive

• La spina dorsale dell’agricoltura biodinamica è la creazione di un suolo ricco di sostanze nutritive in cui coltivare prodotti ricchi di sostanze nutritive. Ciò si ottiene utilizzando la rotazione delle colture e le colture di copertura in crescita (colture appositamente coltivate per aggiungere sostanze nutritive al terreno) e il compost naturale.

Rispettare la natura

• Le fattorie biodinamiche richiedono una riserva di biodiversità del 10% della superficie agricola totale per attirare gli insetti e gli animali utili che depredano i parassiti dannosi per il raccolto. Le zone umide, i prati e le foreste sono tutti considerati parte integrante della vita della fattoria.

Compost verde naturale prodotto dall’azienda agricola

• Gli agricoltori e i coltivatori biodinamici utilizzano preparazioni a base di erbe appositamente preparate per valorizzare e movimentare il compost, i terreni, le piante, gli animali e la fattoria. Proprio come i viticoltori utilizzano tecniche biodinamiche per garantire che le loro uve esprimano l’essenza dei loro vigneti, gli stessi principi si applicano alla coltivazione di tutti i frutti e verdure biodinamici. La produzione non è mai massimizzata a scapito della salute e dell’integrità della terra del contadino biodinamico o della salute e della qualità del cibo che producono.

Agricoltura secondo il ciclo della natura

• La semina e la raccolta biodinamica sono strutturate intorno ai cicli lunari e astrologici che si dice svolgano un ruolo nel ciclo della pianta, proprio come il ciclo lunare influenza le maree e la vitalità dell’oceano.

L’agricoltura biodinamica può invertire il cambiamento climatico

• Oltre all’oceano, il suolo contiene il più carbonio di qualsiasi altro luogo al mondo, che è importante per l’equilibrio naturale della terra e per ciò che ci cresce. Sfortunatamente, le pratiche agricole hanno degradato il nostro suolo al punto che gran parte di esso non è in grado di trattenere il carbonio. Mentre la deforestazione e i metodi di agricoltura industriale prendono enormi porzioni delle aree agricole del mondo, il carbonio nel suolo viene rilasciato nell’aria sotto forma di anidride carbonica (CO2). Ciò aumenta la quantità di CO2 nell’aria e contribuisce al riscaldamento globale e ai cambiamenti climatici. Usando fertilizzante organico, non-lavorazione, rotazione delle colture e terreno di compostaggio, le pratiche di agricoltura biodinamica adottano un approccio ecologico che può recuperare dal degrado e invertire il processo. Queste pratiche tolgono la CO2 dall’aria e invece la assorbono. Questo concetto, chiamato agricoltura rigenerativa, ha dimostrato di assorbire quasi il 3% delle emissioni globali di carbonio. Alcuni scienziati stimano che con un’adeguata agricoltura rigenerativa, le emissioni globali di carbonio assorbite nel suolo potrebbero raggiungere il 15%. Gli studi dimostrano che il terreno potrebbe essere la nostra migliore possibilità di invertire gli effetti del riscaldamento globale e delle emissioni di CO2.

Mantenimento della purezza del prodotto finito

• Dodici standard di processo biodinamico, sviluppati per tipi di prodotto specifici, richiedono una manipolazione minima in modo che gli ingredienti agricoli e i processi di produzione utilizzati definiscano il prodotto.

Link di approfondimento

2018-11-22T08:43:25+00:0011 gennaio, 2018|Tags: , , , , |