L'organismo agricolo biodinamico

The Biodynamic Agricultural Organism

L'agricoltura biodinamica è un sistema complesso che comprende pratiche agronomiche, tecniche di coltivazione, conoscenze meteorologiche e la creazione di un ecosistema adatto alla crescita di piante e animali. Nella conferenza tenuta nel 1924 dal Dr. Rudolf Steiner, che avviò l'agricoltura biodinamica, fu introdotto il termine "organismo agricolo biodinamico". La parola "ecosistema" sarebbe stata coniata successivamente, nel 1935, quando gli agricoltori biodinamici stavano già sperimentando le interazioni evidenziate da Steiner.

I temi fondamentali alla base del concetto di "organismo agricolo biodinamico" sono la relazione e l'individualità agricola.

Le relazioni tra piante, animali, componenti minerali e esseri umani possono essere guidate e gestite con l'obiettivo di ottenere un buon raccolto in un ecosistema sano. La fattoria biodinamica non è un ecosistema spontaneo, così come un campo di grano o un frutteto non possono sorgere spontaneamente, ma è un ecosistema che rispetta le leggi della natura e le utilizza per produrre colture sane e genuine.

L'individualità agricola consiste nelle caratteristiche che rendono ogni fattoria unica e riconoscibile. Entrando in una fattoria biodinamica, si riconosce immediatamente di essere in quel luogo specifico e non in un altro. La fattoria biodinamica esprime le caratteristiche di chi se ne prende cura attraverso piante, fiori, animali e spazi.

Un elemento molto importante nelle fattorie biodinamiche sono le siepi, le fasce boscose o le foreste. Queste sono tutte infrastrutture verdi che mitigano l'impatto ambientale, aumentano la biodiversità, creano habitat per insetti e animali benefici e abbelliscono il paesaggio. In biodinamica, questi elementi sono considerati la "pelle" dell'organismo agricolo perché proteggono e creano un diaframma che filtra ciò che entra ed esce dalla fattoria. Il posizionamento delle siepi è molto importante perché può favorire o rallentare il vento nelle colture. Il vento diurno dovrebbe essere incoraggiato perché asciuga le piante e le rende meno suscettibili alle malattie fungine, mentre la brezza notturna dovrebbe essere gestita perché tende a seccare i terreni e portare via nutrienti importanti.

Un altro elemento interessante nella fattoria sono gli alberi che crescono verticalmente, che potremmo definire "alberi antenna". Questi alberi, come le conifere, caratterizzano il territorio e rilasciano sostanze utili nell'ambiente. Sono capaci di catalizzare un particolare microecosistema di piccoli animali e insetti benefici intorno a loro.

In biodinamica, grande attenzione è anche rivolta all'acqua, sia da fiumi che laghi. L'acqua è una risorsa estremamente preziosa che non solo deve essere salvaguardata, ma anche rigenerata. I terreni ricchi di humus della fattoria biodinamica assorbono, trattengono e rilasciano lentamente l'acqua piovana. Fossi e stagni sono elementi preziosi dove anfibi e rettili, insieme a molti microrganismi strettamente legati ai cicli lunari, possono riprodursi. Senza questi spazi umidi, questi microrganismi risiederebbero sulle nostre piante, causando malattie.

Gli alberi da frutto sono un altro elemento molto importante. Nelle siepi o nelle terre marginali, possono crescere alberi, inclusi quelli che producono frutti selvatici, fornendo cibo e riparo per insetti e piccoli uccelli strettamente legati alla salute delle nostre piante.

In biodinamica, gli animali svolgono il ruolo fondamentale di circolare le energie create dal mondo vegetale. Il mondo vegetale genera materia vivente dai minerali, ma per circolare questa materia, la natura utilizza gli animali, dai piccoli insetti ai grandi ruminanti, inclusi i laboriosi lombrichi.

Infine, in biodinamica, si tiene conto anche dell'azione del cosmo, in particolare del sole, che determina i cicli giornalieri e stagionali. Oltre al sole, altri corpi celesti hanno dimostrato di avere un'influenza significativa sul mondo delle piante e degli animali. Ad esempio, i raggi lunari possono penetrare nel suolo fino a venti metri di profondità, come dimostrato dalla ricerca di Lili Kolisko. Ognuno di questi elementi ha un ruolo specifico e stabilisce relazioni con tutti gli altri. L'uso dei preparati biodinamici rafforza e attiva queste relazioni, rendendo l'intero organismo agricolo più sano e resiliente. Articolando e proporzionando abilmente ciascun elemento, si crea un ambiente sano, produttivo e anche molto bello. Nelle fattorie biodinamiche, non solo si coltivano piante sane, ma anche paesaggi belli.

di Elena Zaramella

Articoli correlati

Mostra tutto
  • Winter Pruning in the Vineyard: A Key Operation

    Nei Mesi Invernali: La Potatura del Vigneto

  • Nature as a Teacher for Biodynamic Farming Practices

    La natura come maestra per le pratiche agricole biodinamiche

  • The Rhythms of Nature and the Biodynamic Calendar

    I Ritmi Della Natura e Il Calendario Biodinamico