Condividi
Stampa

Articolo pubblicato su EgNews

Un’avventura iniziata 40 anni fa, un esempio di artigianalità italiana e di valori familiari trasferiti in un modello aziendale che ha fatto della qualità del prodotto e dell’attenzione all’ambiente due capisaldi fondamentali.

Dopo aver chiuso il 2019 con un bilancio positivo, inclusa l’inaugurazione della nuova sede produttiva, l’Acetaia Guerzoni si prepara a continuare un percorso iniziato negli anni Settanta da nonno Arduino e nonna Zina. Sono stati loro, ad abbracciare la filosofia dell’agricoltura sostenibile, della produzione biologica e biodinamica, che rispettasse la natura e il lavoro dell’uomo.

Una sfida coraggiosa, precoce per i tempi, che risultò vincente. Oggi, l’Acetaia Guerzoni è l’unica al mondo ad avere la certificazione biologica e biodinamica. Oggi l’Acetaia Guerzoni é arrivata alla terza generazione per raccontare una storia di successo tutta Made in Italy.  L’impresa familiare, al cui comando vede Felice, Iride e Lorenzo, si contraddistingue per la totale conversione delle vigne in regime biologico e biodinamico e vanta due primati: primi produttori di Aceto Balsamico di Modena IGP biologico e biodinamico (certificazione Demeter) e unici produttori di Aceto Balsamico tradizionale di Modena DOP biologico e Demeter.

Un’azienda artigianale con prodotti fedeli alla tradizione che trasmettono il gusto del passato, ma con uno sguardo rivolto verso al futuro e dalla vocazione internazionale che porta alto il vessillo dell’artigianato  Made in Italy. “Solo puntando sull’artigianato – commenta Lorenzo Guerzoni – e sulla qualità del Made in Italy possiamo far rinascere l’Italia. Il nostro paese si fonda sulle piccolo grandi storie come la nostra che hanno costruito il tessuto produttivo del paese Italia”.

L’artigianalità e la qualità dei prodotti, in netto contrasto con le produzioni industriali, non sacrificano la presenza nel mercato di nicchia di Guerzoni, incluso quello del Nord America. Proprio in quest’ultima area, Guerzoni ha conquistato il pubblico americano con i suoi prodotti, soprattutto il Mosto di Uva biologico e biodinamico. Un prodotto non alcolico che gli americani hanno imparato ad apprezzare nel tempo, per le sue qualità organolettiche e nutrizionali. Uno spirito contadino, artigianale, moderno, che ha reso l’azienda una punta di eccellenza nell’agricoltura moderna italiana.

Vedi Articolo originale in PDF

Vedi Articolo su Cook Magazine

Articolo di Liliana Rosano

2 Marzo 2020 su EgNews

www.egnews.it